Siria. Arrivano le prime ammissioni dal Qatar

Hamad bin Jassim Al Thani ha rilasciato un’ intervista al Financial Times in cui ha rivelato alcuni particolari sulle ingerenze del Qatar negli affari interni della Siria a partire dal 2011.  Ma andiamo con ordine: il Financial Times ha pubblicato una intervista all’ex primo ministro del Qatar, lo sceicco Hamad bin Jassim Al Thani, in cui costui ha ammesso candidamente che la cosiddetta “rivoluzione” del 2011 in realtà non sarebbe stata spontanea come hanno voluto cercare di farci credere.

Leggi: Gli Usa e l’operazione “Primavera araba”

Del resto Al Thani ha utilizzato parole molto chiare (Leggi l’originale qui) a riguardo: “Non l’ho mai detto prima: quando abbiamo iniziato a interferire sulla scena politica siriana (attorno al 2012) eravamo sicuri che il Qatar avrebbe presto assunto la guida delle operazioni, in parte per la riluttanza dei sauditi a interferire in quel Paese. Poi però la situazione cambiò, la monarchia saudita decise di intervenire direttamente e ci chiese di sederci sul sedile posteriore. Questo portò a una competizione tra noi e loro e non è stato salutare”.

Leggi: Siria. Qatar tenta di sdoganare Al-Nusra

Di conseguenza bisognerebbe forse cominciare ad analizzare il periodo delle Primavere Arabe anche alla luce di quanto accaduto negli anni successivi, magari riconoscendo che l’Occidente ha commesso alcuni errori vuoi per calcolo, vuoi per ingenuità, vedendo nelle rivolte che avvenivano nei paesi arabi quello che desiderava vedere. Del resto in Siria dopo cinque anni di guerra ci sono stati circa 300.000 morti e milioni e milioni di profughi; il fatto che diversi paesi stranieri abbiano avuto interesse a intervenire a diverso titolo nella guerra civile siriana è stato ormai ampiamente comprovato da diversi esempi e ammissioni. La speranza è se non altro, che dopo tanta sofferenza sia giunto infine il tempo di una giusta pace per i siriani.

Laureato in Storia Contemporanea, ha da sempre coltivato una viva passione per la scrittura e per il giornalismo. Appassionato di politica estera partecipa sin dagli inizi al progetto di “Oltremedia” .

Add your comment

XHTML : You may use these tags : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled website. To get your own globally-recognized avatar, please register at Gravatar.com