Sciopero sociale. Il capitalismo è stato un fallimento

Il 14 novembre sarà scioperò sociale in tutta Italia. Uno sciopero di 24 ore. Studenti, operai, precari, migranti e disoccupati (12,6%) scenderanno in piazza contro la precarietà e il jobs act, contro il piano scuola e la disoccupazione giovanile; per un’altra università e per un altro mondo del lavoro. Ma non solo, si tratterà di uno sciopero diffuso.

Il capitalismo è stato un fallimento per la società. Dietro lo spettro del capitale le lobby si sono celate per anni facendo credere che capitalismo potesse essere sinonimo di libertà e opportunità, oggi appare sempre più evidente come, invece, ha trasformato le democrazie in oligarchie, sostituendo la politica con la finanza, facendo perdere i punti di riferimento politici ai cittadini e creando un pensiero xenofobo che si sta estendendo in ogni dove conseguentemente al malessere diffuso.

In queste ultime settimane la repressione ha colpito qualsiasi settore intento a protestare o a chiedere un cambiamento di rotta al Governo Renzi. Uno Stato che risponde con polizia e repressione è uno Stato che ha perso la bussola.

Lo sciopero inizia oggi, 12 novembre, quando Mario Draghi sarà alla Facoltà di Economia dell’Università di Roma Tre per omaggiare il Professor Federico Caffè. Paradossale il fatto che Draghi venga ad omaggiare Federico Caffè, screditandone la memoria, visto che l’economista neo-keynesiano avrebbe con buona probabilità disprezzato il monetarismo imposto dalla BCE e da Draghi imparato in America, alla scuola della Goldman Sachs.

Il 15 novembre si terrà anche la manifestazione degli operai di Livorno: le due date sono legate in virtù del ruolo che esercitano le mobilitazioni degli operaia, per il ruolo che essi assumono nella costruzione di una nuova governabilità. Entrambe le giornate rappresentano l’occasione per fare delle mobilitazioni rivendicative, vertenziali, passi essenziali nella costruzione di nuove autorità popolari che devono mettersi alla testa della costruzione di Amministrazioni Comunali di Emergenza, unica soluzione fattibile, alle politiche di lacrime e sangue.

Appuntamenti:

  • Roma ore 10 da Piazza della Repubblica
  • Napoli ore 9,30 Piazza Garibaldi
  • Siena ore 9 Piazza Matteotti
  • Bologna ore 10 Piazza Re Enzo
  • Milano ore 9,30 Largo Cairoli
  • Genova ore 9  Piazza Caricamento
  • Bari ore 9,30 Piazza Umberto I
  • Torino ore 9 Palazzo Nuovo
Laureato in giurisprudenza, giornalista pubblicista, Co-fondatore e Direttore responsabile di Oltremedia. Il giornalismo lo intendo a 360°: video,montaggio,foto,scrittura.

nicola.gesualdo@oltremedianews.it

Add your comment

XHTML : You may use these tags : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled website. To get your own globally-recognized avatar, please register at Gravatar.com