Roma. A San Lorenzo l’assessore chiede fiducia ai cittadini

“L’ex Dogana di San Lorenzo verrà buttata giù?” chiedono i cittadini del quartiere e altri giornalisti all‘assessore Giovanni Caudo e al Presidente del II Municipio Giuseppe Gerace. Una domanda semplice tanto quanto dovrebbe essere la risposta, e invece, in un momento buio per la politica italiana e capitolina, si continua a parlare politichese: “Per ora non c’è nessun progetto presentato che riguarda l’Ex Dogana”, scandisce a chiare lettere Caudo. Qualcuno potrebbe dire, ha risposto implicitamente affermando che non sarà buttata giù per far spazio ad un centro commerciale (questo il timore degli abitanti di San Lorenzo). Ma i cittadini si chiedono perché non essere chiari e rispondere semplicemente “NO” se non c’è nulla da nascondere.

Potremmo dire che il resoconto dell’incontro avvenuto ieri tra le istituzioni e i cittadini di San Lorenzo, presso l’Ex Dogana in via dello Scalo di san Lorenzo, è riassunto in questa interlocuzione.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Prima del dibattito aperto tra istituzioni e cittadini c’è stata la presentazione del progetto da parte dei tecnici del Comune. Successivamente sono stati tanti gli interventi del pubblico presente. Antonello ,della Libera Repubblica di San Lorenzo, interviene affermando che non si è parlato dei 7 cantieri aperti a San Lorenzo, verranno costruite palazzine con appartamenti di 35/40 mq.

Un incontro che arriva da lontano. Assemblee fiume e accese presso la Casa della Partecipazione, un luogo di scambio nel quartiere San Lorenzo, alla presenza dell’assessore ai Lavori pubblici del II Municipio Assunta Santoriello, dei tecnici comunali e dei comitati di quartiere e spazi occupati (Communia, Libera Repubblica di San Lorenzo). Ieri è stato il penultimo appuntamento con il quartiere, il 12 gennaio si terrà l’ultimo incontro con i residenti per impostare insieme il progetto di recupero del quartiere: in quella data presenterà lo schema di assetto, poi ci saranno 30 giorni per le osservazioni, infine il documento arriverà in giunta ai primi di marzo.

“Fidatevi” afferma l”assessore Caudo, forse una delle affermazioni più errate da pronunciare in questi giorni. I presenti vanno su tutte le furie contestando all’assessore “l”ultima volta che ci siamo fidati abbiamo visto crollare un pezzo storico di San Lorenzo per far spazio alla speculazione, le Fonderie Bastianelli“. Demolizione avvenuta dopo uno sgombero avvenuto con uno spiegamento di forze imponente il 16 agosto.

I cittadini non solo non si fidano ma chiedono all’Assessore di sottoporre, ai 3 ispettori che si stanno occupando degli appalti nella capitale, il procedimento attraverso il quale l’area dell’Ex Dogana è stata venduta. “E’ una forma di garanzia per la città: potrebbe, infatti, configurarsi un danno erariale per la stessa”, afferma Gigliola (Libera Repubblica di San Lorenzo).

Uscendo dall’incontro una signora anziana, in maniera informale, chiede all’assessore: “Perché l’altro giorno il Presidente Gerace mi ha detto testuali parole: Mi piange il cuore ma l’ex dogana verrà abbattuta”. Con questo punto di domanda i cittadini di San Lorenzo attendono l’incontro del 12 con la paura di doversi fidare nuovamente.

 

Laureato in giurisprudenza, giornalista pubblicista, Co-fondatore e Direttore responsabile di Oltremedia. Il giornalismo lo intendo a 360°: video,montaggio,foto,scrittura.

nicola.gesualdo@oltremedianews.it

Add your comment

XHTML : You may use these tags : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled website. To get your own globally-recognized avatar, please register at Gravatar.com