Roma. In strada contro la speculazione

Oggi nel quartiere Centocelle si è tenuta la manifestazione contro speculazione, sfratti e sgomberi. Circa 2000 persone hanno attraversato il quartiere est della capitale fino a giungere a Largo Preneste.

Uno striscione apriva il corteo “Riprendiamoci la città”.

A Roma c’è un numero che fa davvero paura a chi non può permettersi il lusso di affittare una casa: uno sfratto ogni 246 famiglie.
Sì, perché ormai affittare un’immobile è diventato un lusso per pochi.

Tantissima la gente e tante le istanze portate in piazza: dalla lotta per l’abitare fino alla resistenza di Kobane, in Siria.

“Metro C…vostra. Tempo scaduto” una delle scritte lasciate nei pressi di un cantiere della metro C.

Politiche di austerità che precarizzano e impoveriscono le vite di milioni di persone, a cui si chiede di pagare il costo della crisi, mentre gli interessi economici privati e la rendita mettono a profitto le città, con progetti speculativi legati al cemento e ad attività economiche e commerciali che stanno cambiando le relazioni e i volti di molti quartieri.
Un modello devastante contenuto nei provvedimenti del governo Renzi in tema di casa e lavoro, che sanciscono il “modello Expo” come paradigma del nostro futuro e che si sta dotando di diversi strumenti per impedire un’opposizione a tutto questo.

La realizzazione di una metropolitana, l’abbellimento di una strada e l’apertura di locali per la movida fanno crescere i prezzi di mercato degli immobili e molti proprietari decidono di aumentare i canoni di affitto. Dall’altra parte gli edifici pubblici vengono svenduti o ceduti società private. L’housing sociale e l’edilizia convenzionata portano nei quartieri altro cemento e soldi ai soliti costruttori e speculatori, si legge in uno dei tanti volantini distribuiti a chi osserva il corteo attraversare le strade e guardare chi fa parte di questo fiume di combattivi come se fossero degli alieni.

Add your comment

XHTML : You may use these tags : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled website. To get your own globally-recognized avatar, please register at Gravatar.com