Roma: una giornata di lotta per il CSOA Corto Circuito.

Resistenza“, un concetto che ieri si sentiva ripetere assai tra le numerose persone che per tutto il giorno si erano radunate in piazza Cavalieri del Lavoro in sostegno del CSOA Corto Circuito. Lo storico centro sociale occupato nel lontano 1990, appena quattro anni dopo il CSOA Forte Prenestino, e luogo simbolo per moltissimi abitanti della zona, era stato sgomberato alle prime luci dell’alba da numerose forze dell’ordine che si erano presentate in via Filippo Serafini.

Leggi: Csoa Corto Circuito sgomberato

La decisione, presa con una ordinanza della magistratura, ha colto un pò tutti di sorpresa ed ha subito lasciato un vuoto. Perchè il Corto non è un semplice spazio sociale, è uno dei luoghi simbolo della militanza romana, la cui palestra popolare o l’osteria sono conosciuti e stimati in ogni angolo del Grande Raccordo Anulare.

Questa “romanità” del Corto si è vista ieri pomeriggio, durante l’assemblea/presidio, convocata in piazza Cavalieri del Lavoro a cui hanno risposto varie entità della Roma militante attuale, provenienti da ogni zona della città. Ognuno, con un piccolo intervento dal microfono, ha voluto dire cosa rappresentava il CSOA Corto Circuito; dallo spazio sociale Roberto Scialabba, fino al Cso Sans Papiers passando per lo SCuP.

Verso le 18 la piazza era talmente piena che si è deciso di far partire un corteo spontaneo per le strade dei quartieri Lamaro,Tuscolano e Cinecittà che, attraversando la Palmiro Togliatti, ha creato un pò di disagio ai numerosi automobilisti in transito. Non si è registrato nessun momento di tensione ma solo tanta voglia di gridare la propria rabbia e il proprio sdegno per una situazione, quella dei luoghi sociali capitolini, che continua imperterrita la sua strada di repressione da troppo tempo.

corteo corto

Alla fine del corteo si è deciso di tornare a via Filippo Serafini, dove erano presenti ancora alcune decine di rappresentanti di forze dell’ordine. Una volta giunti i manifestanti si sono riappropriati “simbolicamente” del giardino del Corto Circuito e si è fatta partire un’assemblea spontanea per decidere il da farsi nei prossimi giorni.

Dopo un’altra serie di interventi, per far vedere cosa rappresenta questo luogo per i militanti capitolini, si è optato per un nuovo corteo programmato per sabato prossimo: l’appuntamento è alle ore 15:30 a largo Corrado Ricci. Da lì si cercherà di arrivare in piazza del Campidoglio per far sentire la propria voce alla sindaca Virginia Raggi e per chiedere una soluzione di questa situazione di repressione nel minor tempo possibile.

Romano di nascita, laureato in Scienze Storiche.
Attualmente autore presso “Oltremedia”, ho collaborato con “Linkursore”.
Mi interessa parlare dei lati più nascosti della mia città, ma anche della cultura e del mondo che mi circonda.

Add your comment

XHTML : You may use these tags : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled website. To get your own globally-recognized avatar, please register at Gravatar.com