Quadraro: il quartiere di Roma Sud ricorda il rastrellamento nazi-fascista del 1944

Il 17 aprile 1944 la città di Roma subiva una delle ferite più dure della sua Resistenza alle truppe di occupazione nazi-fasciste. In quella giornata, infatti, avveniva il rastrellamento del Quadraro: quartiere di Roma sud che, per la sua forte indole antifascista, gli occupanti tedeschi avevano soprannominato “Nido di Vespe“.

Il fatto, denominato “operazione Balena“, fu organizzata per rispondere ai numerosi attacchi che, proprio in quei giorni, stavano avvenendo nella zona contro alcuni soldati dell’esercito di Hitler. L’ultimo avvenimento aveva visto, tra i protagonisti, anche il “Gobbo del Quarticciolo“: storica figura della Resistenza romana che troppo spesso, da più parti, si è descritto solo come un criminale senza tener conto dell’importante contributo che Giuseppe Albano (questo era il suo vero nome) diede alla lotta contro l’invasore nazi-fascista.

Fu scelto il Quadraro perchè era una delle zona più ribelli della Capitale e che non perdeva occasione di andare contro ai voleri imposti dagli occupanti tedeschi.

Il rastrellamento del Quadraro ebbe inizio la mattina presto, intorno alle 4.00. Alla fine vennero deportate ben 947 persone, nella maggior parte uomini adulti, che finirono nei campi di lavoro in Germania. Per numero di arresti questo episodio è inferiore solamente alla deportazione degli ebrei romani del ghetto di Roma avvenuta il 16 ottobre 1943: in quell’occasione vennero arrestati ben 1259 individui, di cui 1023 di religione ebraica.

Nel corso dei decenni il Quadraro non ha mai dimenticato uno scempio simile. Quest’anno, in occasione dei 73 anni da quei fatti, sono in programma una serie di iniziative che si snoderanno dall’11 al 15 aprile prossimi.

L’evento, denominato “Q44, La Primavera della Resistenza Romana, propone una vera e propria kermesse di incontri, sport popolare, musica, teatro e spettacoli per mantenere viva una memoria storica che, negli ultimi anni, si sta perdendo sempre di più.

Ecco di seguito il programma dettagliato e diviso giorno per giorno:

Marted’ 11 aprile

– spettacolo teatrale – Nido di Vespe di Simona Orlando, regia di Daniele Miglio. A Cura di AP e ANPI sez. Nido di Vespe, Quadraro – Cinecittà.

ore 21 Presso ÀP – Accademia Popolare dell’Antimafia e dei Diritti via Contardo Ferrini 83 – Cinecittà

Giovedì 13 Aprile
-visita guidata
“Quadraro 1944: la memoria in piazza”
Percorso di narrazioni, immagini e letture da Don Bosco al Quadraro
A cura di ÀP e ANPI sez.Nido di Vespe, Quadraro – Cinecittà

ore 16.00 Piazza S. G. Bosco
ore 17.00 Piazza dei Consoli
ore 18.00 Parco Monte del Grano

Venerdì 14 Aprile
-torneo di calcetto
II° TROFEO Q44 di calcio a 5
a cura dell’Asd Quadraro
ore 16 presso il Csoa Corto Circuito via Filippo Serafini 57

-presentazione libro con autore
“Guerriglia Partigiana a Roma”
di Davide Conti
A cura di Csoa Spartaco e Associazione La Lotta Continua

Duecentosettantuno giorni di occupazione nazista, migliaia di caduti civili e militari, quasi quattromila partigiani inquadrati nelle organizzazioni armate di Pci, Psiup e PdA, centinaia di azioni di guerra e sabotaggio compiute quotidianamente. Questa è stata la Resistenza a Roma: una guerriglia urbana di nove mesi organizzata dai reparti d’avanguardia delle forze antifasciste, i Gap e le Sac, e resa possibile dall’appoggio della popolazione civile. La ricostruzione documentale degli eventi che l’autore offre, svincolata dalla retorica celebrativa, restituisce non solo il contesto storico in cui nacque la guerriglia nella città ma soprattutto le sue contraddizioni, i suoi slanci, i suoi limiti e la sua necessità militare, politica e morale.

ore 18 presso il Csoa Spartaco – sala Bristol via Selinunte 57

Sabato 15 Aprile
-visita guidata
Quadraro Story
Passeggiata della memoria
a cura del Csoa Spartaco

Una passeggiata attraverso la memoria storica, urbanistica e sociale del quartiere Tuscolano – Quadraro: delle brevi tappe, per ricordare il rapporto tra cittadini e sviluppo edilizio dell’area dal 1912 al 1944, le fungaie e le osterie fuori porta, la Resistenza e la deportazione, la parrocchia e il calcio popolare.

ore 16 presso la targa dei caduti dell’8 Settembre in via Tuscolana angolo via del Quadraro.

Il tutto è stato reso possibile grazie al lavoro e alla voglia dell’Accademia Popolare (AP), della sezione dell’ANPI “Nido di Vespe“, del CSOA Spartaco e della ASD (Associazione Sportiva Dilettantistica) dello stesso quartiere di Roma Sud.

Romano di nascita, laureato in Scienze Storiche.
Attualmente autore presso “Oltremedia”, ho collaborato con “Linkursore”.
Mi interessa parlare dei lati più nascosti della mia città, ma anche della cultura e del mondo che mi circonda.

Add your comment

XHTML : You may use these tags : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled website. To get your own globally-recognized avatar, please register at Gravatar.com