Ostia: l’antifascismo torna in piazza il prossimo 11 febbraio

Ostia è una piccola cittadina del litorale laziale che fa parte del X municipio di Roma Capitale. Questa è una zona in cui, da alcuni anni, vari gruppi neofascisti agiscono indisturbati e questo anche grazie alla totale assenza delle istituzioni municipali.

Lo scorso 31 gennaio è avvenuta l’ultima aggressione che si è svolta secondo i tipici parametri di un vero e proprio assalto fascista. A farne le spese questa volta è stato Diego Giannella, un giovane attivista della cooperativa Alternativa Onlus che opera sul territorio da un pò di tempo e si occupa di assistenza ai senza fissa dimora e cerca di aiutare le ragazze che tentano di staccarsi dal giro di prostituzione, racket ed usura.

In quella giornata di pieno inverno Diego è stato aggredito dai neofascisti che lo hanno assalito mentre si stava recando al Municipio per partecipare ad una iniziativa organizzata dalla rete sociale “Roma ascolta Roma“. Anche in questa occasione, a quanto pare militanti di Casapound, erano in netta maggioranza, 5 contro 1, e si sono scagliati violentemente contro il giovane attivista che ha riportato la rottura di due costole e quindici giorni di prognosi.

Questa, purtroppo, è solo l’ultima di una serie di aggressioni perpetrate da esponenti di Casapound dall’aprile 2010 ad oggi. Tali eventi sono stati caratterizzati da una violenza sempre più inaudita grazie anche ad un consenso popolare che l’organizzazione neofascista sta raccogliendo in termini di voti grazie anche all’azione politica del gruppo “Casapound Ostia“.

Per fortuna una parte della popolazione locale sta cercando di opporsi in vari modi a questo ennesimo rigurgito neofascista che sta avvenendo nella zona. Per sabato prossimo, 11 febbraio 2017, è stato indetto un vero e proprio corteo per cercare di fermare l’azione di Casapound e la violenza fascista sempre più frequente nella zona.

L’evento, organizzato dall’associazione Ostia Solidale partirà dalla stazione Lido Centro della linea ferroviaria Roma-Lido. L’orario di partenza è fissato per le 15:30.

Di seguito riportiamo il comunicato stampa diramato dalla stessa Ostia Solidale:

11 Febbraio corteo pacifico per fermare le violenze di Casapound

Il corteo pacifico e autorizzato, promosso dalla sigla Ostia Solidale, nasce dall’assemblea di Santa Monica di sabato 4 febbraio. In quell’occasione, circa un centinaio di cittadini, provenienti da esperienze diverse, hanno espresso solidarietà al ragazzo di Ostia accerchiato e picchiato da 5 militanti di Casapound.

Questa mobilitazione non nasce per prendere una posizione sul commissariamento, ne tantomeno una posizione sulle vittime delle foibe. Questa iniziativa nasce esclusivamente per denunciare pubblicamente le aggressioni di Casapound Ostia, una realtà che utilizza sistematicamente metodi intimidatori e violenti contro studenti, associazioni di volontariato e semplici cittadini. Una realtà che ha evidenti legami con la criminalità organizzata, come ha dimostrato la recente condanna di Ferdinando Colloca, un loro ex candidato alle Regionali del Lazio.

Respingiamo categoricamente l’idea che i fomentatori dell’odio politico siano quelli che denunciano la violenza subita. Sfileremo in corteo perché non siamo più disposti a tollerare che una persona venga picchiata, solo perchè ripudia i metodi fascisti di Casapound.

Chiediamo la chiusura immediata della sede Ater di Acilia (Via Carlo Marocchetti, 3), abusivamente occupata da Casapound, e chiediamo la chiusura delle due sedi di Ostia dove vengono pianificate le aggressioni nel X Municipio. Chiediamo una forte presa di coscienza e capacità di agire da parte delle istituzioni, troppo spesso indifferenti a queste aggressioni e al dilagare dei fenomeni di criminalità organizzata sul litorale romano. Invitiamo tutti a partecipare, sorridenti ma determinati, al corteo pacifico di sabato 11 Febbraio, che partirà alle ore 15:30 dalla Stazione di Lido Centro (altezza viale Cardinale Ginnasi)

Romano di nascita, laureato in Scienze Storiche.
Attualmente autore presso “Oltremedia”, ho collaborato con “Linkursore”.
Mi interessa parlare dei lati più nascosti della mia città, ma anche della cultura e del mondo che mi circonda.

Add your comment

XHTML : You may use these tags : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled website. To get your own globally-recognized avatar, please register at Gravatar.com