Italia: a Bologna e Napoli numerosi eventi “militanti” il prossimo weekend

Il prossimo weekend, quello di sabato 11 e domenica 12 marzo 2017, si annuncia altamente “militante” in due importanti città d’Italia: Bologna e Napoli. Nella città emiliana, infatti, da giovedì 9 a sabato 11 marzo è in programma una tre giorni di iniziative per ricordare il quarantesimo anniversario dalla morte di Francesco Lorusso.

Lorusso, ventiquattrenne militante di Lotta Continua: una delle più famose formazioni della cosiddetta “sinistra extraparlamentare” attiva dal 1969 al 1976, morì l’11 marzo 1977 dopo essere stato colpito da un colpo di arma da fuoco a via Mascarella, nel pieno centro del capoluogo emiliano. Il giovane, poche ore prima, aveva cercato di bloccare un’assemblea convocato, presso l’istituto di Anatomia umana dell’università di Bologna, dai giovani esponenti del movimento cattolico di Comunione e Liberazione.

Francesco Lorusso è solo una di quelle vittime, facenti parte del “movimento del ’77“, che pagò con la vita la forte repressione che lo Stato centrale stava portando avanti contro le numerose formazioni della sinistra extraparlamentare attive in quegli anni in Italia. Lo stesso carabiniere accusato di aver sparato a Lorusso, tale Massimo Tramontani, fu prosciolto dall’accusa di omicidio perchè non si poteva capire, almeno stando alle parole dei giudici, se il colpo mortale per il giovane di Lotta Continua fosse partito effettivamente dal fucile del Tramontani.

Oltre a ciò, per motivi di ordine pubblico, furono negati i funerali pubblici a Francesco Lorusso. Le esequie si sarebbero dovute tenere nel pieno centro di Bologna e questa, per il prefetto cittadino, poteva alimentare nuovi scontri tra autonomi e polizia.

Per ricordare questa giovane figura, che pagò troppo presto con la vita per seguire i suoi ideali, si terranno una serie di presentazioni di libri, dibattiti, concerti di musica live fino al vero e proprio corteo che partire nel pomeriggio dell’11 marzo, alle ore 16, dalla centralissima Piazza Verdi. Ecco, di seguito, il programma della tre giorni organizzato dal Collettivo Universitario Autonomo di Bologna:

Giovedì 9 marzo presso Zamboni38

Ore 19.00: presentazione del libro “Resistenza Rap” con l’autore KENTO


Ore 21.00: aperitivo musicale


Ore 22.00: Kento Live presenta il nuovo album “Da Sud”
Open act: Neighbours May Wonder (Fleva x Leejaze Directxr)
A seguire: DjSet Golden Yute (hip hop)

Venerdì 10 marzo presso Zamboni38

Ore 19.00: “77 e Noi”: incontro con Oreste Scalzone e Tano D’Amico. Un occhio e una voce con cui confrontarsi. Come caminantes, domandando, a 40 anni dall’uccisione di Francesco Lorusso. Memorie e immagini dal lungo filo rosso della nostra storia.

A seguire: aperitivo musicale

Sabato 11 marzo a PiazzaVerdi e a Via Zamboni

Ore 16.00 Piazza Verdi CORTEO: 1977-2017: 40 anni di barricate! – Corteo per Francesco Lorusso


Ore 19.00 Via Zamboni: Presentazione del Premio di laurea “Francesco Lorusso” con Cristiano Armati (RedStarPress)

Ore 22.00 ZULU 99 Posse Official live set presenta il nuovo album “Suono questo Suono quello” più Invisibile presenta “Mentre tutto dorme”.

A Napoli invece, sabato 11 marzo 2017, è in programma il comizio di Matteo Salvini al teatro Mediterraneo. Il leader leghista, che negli ultimi anni ha dato vita anche ad un nuovo schieramento dal nome “Noi Con Salvini“, cercherà ancora una volta di far arrivare le sue idee nelle città dell’Italia meridionale.

Un compito non facile, e che finora ha portato ben pochi frutti dal punto di vista di numero di voti, visto che tali ideali sono “implicitamente” intrisi di concetti quali razzismo, xenofobia e discriminazione territoriale. Lo stesso Salvini inoltre, come spesso avvenuto nelle sue ultime “calate meridionali“, ha chiesto ed ottenuto l’aiuto dei neofascisti locali di Casapound i quali faranno da vera e propria spalla al leader leghista durante la sua visita sotto il Vesuvio.

Salvini, che solo pochi anni fa veniva ripreso mentre intonava cori anti-napoletani, si recherà a Napoli per cercare di ottenere qualche consenso elettorale in più in vista di elezioni politiche che sembrano sempre più vicine. Una scelta che sembra rimarcare la strategia elettorale di Silvio Berlusconi negli anni d’oro del leader di Forza Italia.

Per fortuna vi è anche una grande componente della città campana che tenterà di accogliere l’arrivo dei fascio-leghisti nelle loro strade. Alle ore 14 di sabato 11 marzo, infatti, è stato convocato un corteo, con concentramento a piazza Sannazzaro, indetto dai collettivi antifascisti e da tutti coloro che vogliono esprimere il loro disgusto verso questa ennesima prova di forza del leader della Lega Nord.

Lo stesso sindaco di Napoli, Luigi De Magistris, ha cercato di fermare Salvini mettendo in risalto lo spirito accogliente e solidale della sua città. Due aggettivi che vanno totalmente contro il pensiero dell’altro Matteo più importante, assieme all’ex premier Renzi, dell’attuale panorama politico italiano.

La situazione in città non è delle migliori. Importanti spazi sociali, come lo Je So Pazzo- Ex OPG Occupato, hanno garantito che saranno in piazza mentre la sede locale più importante di Casapound, situata in via Foria, è controllata 24 ore su 24 da un ingente numero di forze dell’ordine. Infine sono attesi vari manifestanti anche dalle altre città dell’Italia meridionale, pronti a manifestare dietro un solo ma emblematico slogan: ” Mai Con Salvini“.

Romano di nascita, laureato in Scienze Storiche.
Attualmente autore presso “Oltremedia”, ho collaborato con “Linkursore”.
Mi interessa parlare dei lati più nascosti della mia città, ma anche della cultura e del mondo che mi circonda.

Add your comment

XHTML : You may use these tags : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled website. To get your own globally-recognized avatar, please register at Gravatar.com