Giornalista di Al-Jazeera arrestato in Germania

Il giornalista egiziano Ahmed Mansour è stato arrestato dalla polizia tedesca all’aeroporto di Berlino per un mandato di cattura internazionale spiccato dall’Egitto. Il giornalista era diretto a Doha, in Qatar, dove ha sede Al-Jazeera. Mansour è stato condannato in Egitto a 14 anni di carcere con l’accusa di aver torturato un avvocato durante i fatti di piazza Tahrir nel 2011.

Al-Jazeera ha invitato la Germania a rilasciare immediatamente Mansour, che è uno storico giornalista di Al-Jazeera Arabic TV. Mansour è stato arrestato all’aeroporto di Berlino alle 13:20 di sabato, mentre cercava di imbarcarsi su un volo Qatar Airways diretto a Doha. “Il giro di vite contro i giornalisti da parte delle autorità egiziane è ben noto”, ha detto Mostefa Souag, direttore generale della rete di Al-Jazeera.

“Ho informato la polizia che l’Interpol ha respinto la richiesta d’arresto dell’Egitto e ho i documenti per provare che non sono accusato di nulla. Ho anche chiarito che le accuse contro di me in Egitto sono una montatura”, ha detto il giornalista, secondo quanto riportato da Al-Jazeera. È ridicolo – ha scritto Mansour – che un paese come la Germania possa dare seguito e sostenere una richiesta come questa emanata da un regime dittatoriale come quello che abbiamo in Egitto.

Mansour dovrebbe essere liberato entro la giornata di oggi, poiché l’Interpol ha respinto la richiesta egiziana per un mandato di arresto internazionale contro di lui. Sembra improbabile che la Germania decida per l’estradizione verso un paese dove vige la pena di morte. L’Egitto accusa il Qatar e Al-Jazeera di sostenere i Fratelli Musulmani, definita come organizzazione terroristica dopo che i militari hanno deposto il presidente Mohamed Morsi nel 2013. Tre giornalisti di Al-Jazeera English hanno speso più di 400 giorni in prigione dopo il loro arresto al Cairo alla fine del 2013. Il processo è stato considerato a livello internazionale come una farsa.

Ha fatto molto discutere che l’arresto di Mansour è arrivato due settimane dopo che il presidente egiziano Abdel Fattah el-Sisi ha visitato la Germania. È la prima volta che un governo occidentale agisce per soddisfare una delle molte richieste di estradizione in Egitto. Steinberg, dell’Istituto tedesco per la sicurezza internazionale, ha suggerito tre ragioni per cui la Germania sta tentando di mantenere un buon rapporto con il governo egiziano – uno dei temi dell’ultima trasmissione di Mansour. In primo luogo, il governo tedesco considera Sisi importante per la stabilità del paese, inoltre Israele ha chiesto alla Germania di sostenere l’Egitto come elemento di equilibrio nella situazione attuale in Medio Oriente e, in terzo luogo, ci sono gli affari commerciali che legano i due paesi.

Migliaia di attivisti e oppositori politici sono stati arrestati, processati e in alcuni casi condannati a morte da quando l’ex presidente Mohamed Morsi è stato deposto due anni fa. L’avvocato di Mansour, Saad Djebbar, ha detto ad Al Jazeera che l’arresto del suo cliente è solamente politico. “Si tratta di un espediente per terrorizzare i giornalisti di Al Jazeera e non permettere loro di fare il proprio lavoro”, ha detto. Il Committee to Protect Journalists (CPJ) ha invitato Cairo a smettere di perseguire i giornalisti di Al Jazeera.

Ama viaggiare, leggere e fare battute di dubbio gusto.

Add your comment

XHTML : You may use these tags : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled website. To get your own globally-recognized avatar, please register at Gravatar.com