Forte Prenestino: 30 anni fa l’occupazione dello spazio sociale a Centocelle

Era il 1 maggio 1986 quando il CSOA Forte Prenestino veniva occupato un gruppo di giovani del quartiere di Centocelle. Domenica prossima quindi, 1 maggio 2016, il più importante centro sociale di Roma, ma anche uno dei più conosciuti di tutta Italia, festeggerà il 30esimo anniversario d’occupazione.

Una storia, quella del Forte, che è andata avanti nonostante tutti i problemi che deve affrontare uno spazio occupato. Un CSOA (acronimo di Centro Sociale Occupato e Autogestito) che, basandosi su valori quali lautogestione e lo scambio di idee dal basso, continua a dare una qualche speranza ad una zona periferica come quella di Centocelle: quartiere che, nonostante tutte le promesse istituzionali fatte, è, ancora oggi, attraversato da numerosi problemi.

Come ogni primo maggio, giorno in cui cade la celeberrima ” Festa del Non Lavoro“, si ricordano quelle ore in cui le catene furono spezzate e il Forte venne occupato. Da quel momento sono stati numerosi gli eventi culturali organizzati nei cunicoli e negli spazi all’aperto di questo spazio sociale che hanno permesso di dar voce e parola a chi voleva portare avanti una vera e propria cultura alternativa.

Dall’Enotica al Crack, passando per la Festa del Raccolto, sono molteplici le iniziative organizzate al Forte che, ogni anno, attraggono numerose persone, sia giovani che meno giovani, da ogni angolo della Capitale e non solo.

Leggi: Enotica, 3 giorni tra vino ed eros

Domenica prossima, per festeggiare questi primi 30 anni ma anche per la ricorrenza della Festa del Lavoro, al Forte Prenestino è in programma una intera giornata di festa e divertimento. Tale anniversario avrà un aspetto ancora più militante dopo che gli ultimi mesi hanno visto il commissario straordinario al Campidoglio, Giuseppe Paolo Tronca, portare avanti politiche scellerate verso numerosi spazi sociali di Roma.

Evento centrale della giornata sarà la presentazione del libro ” Fortopìa- Storie di amore e autogestione“. L’opera, composta da ben 440 pagine, è stata realizzata da tutti i frequentatori del Forte che attraverso un disegno, una poesia o una semplice didascalia hanno voluto descrivere cosa rappresenta per loro questo spazio sociale.

Inoltre sono in programma numerosi atri avvenimenti, sia culturali che musicali, che andranno avanti fino a notte fonda. Per quel che riguarda l’ambito musicale, sul palco grande dello spazio all’aperto, ci saranno i live di importanti esponenti del mondo rap ed hip-hop: da Murubutu fino a La Kattiveria, da Signor K fino a Terrorist Bengala Party. Il concerto più atteso, però, è quello degli Assalti Frontali che chiuderà questa lunga giornata di festa.

La sottoscrizione, dalle ore 10:00 alle 14:00, è di 3 euro. Poi, fino alle 21:00, si paga 5.

 

Romano di nascita, laureato in Scienze Storiche.
Attualmente autore presso “Oltremedia”, ho collaborato con “Linkursore”.
Mi interessa parlare dei lati più nascosti della mia città, ma anche della cultura e del mondo che mi circonda.

Add your comment

XHTML : You may use these tags : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled website. To get your own globally-recognized avatar, please register at Gravatar.com