A Foggia la gestione aziendale dell’Università. Chiude Archeologia

‘Salviamo archeologia- Medusa ci mette la faccia’ , questo lo slogan che guida il movimento di protesta degli studenti di Archeologia dell’Ateneo di Foggia. In Puglia, il più piccolo e giovane degli atenei, deve ora fare i conti con i criteri di valutazione fissati dal Ministero della Pubblica Istruzione che annualmente conta in ‘quanti’ si iscrivono all’Università. E quest’anno, o quello che segue, potrebbe non essere l’anno fortunato per l’ateneo foggiano, che rimane sui dieci iscritti.

Quello che non si sa è che l’équipe di archeologi del piccolo capoluogo pugliese manda avanti nell’intera provincia un lavoroArcheologia Foggia ventennale di valorizzazione del patrimonio archeologico, con campagne di scavo attive e costanti, progetti di ricognizione e attività seminariali svettando anche in Italia per l’alto livello di qualità della ricerca (l’Intero Ateneo è il dodicesimo in Italia secondo graduatorie Anvur).

Ma questo non basta. Gli archeologi dell’Università di Foggia sono pochi e per questo ‘non conviene’ tenere il loro corso di laurea attivo. L’Università pubblica italiana si avvia sempre più verso una gestione aziendale dei suoi atenei dove conta sempre più la quantità degli iscritti, a scapito della qualità del prodotto culturale che offre.

Per questo a Foggia studenti, professori, cittadini protestano diffondendo in rete (evento Facebook: Salviamo Archeologia- Medusa ci mette fa faccia!) la faccia-simbolo della Medusa, creazione della cultura daunia trafugata da scavi clandestini e fortunatamente ritornata nel territorio foggiano. Il suo volto è anche quello del sit-in di protesta che gli studenti hanno organizzato per mercoledì 17 dicembre sotto le aule del senato accademico, che quel giorno si riunisce per votare ‘quanto’ conviene l’archeologia a Foggia.sit-in protesta Foggia

Intanto i giovani archeologi pugliesi continuano a rivendicare un’Università di qualità e sono disposti a farlo per gli anni che verranno, per tutta la storia che ancora c’è da scavare. Attenzione, portano in giro una faccia che pietrifica.

Di seguito il comunicato stampa che gli studenti e le studentesse della facoltà stanno diffondendo.

Noi, studenti dei Corsi di Laurea in Beni Culturali e Archeologia dell’Università di Foggia abbiamo organizzato un sit-in di protesta contro la soppressione del Corso di laurea magistrale in Archeologia. Il Senato accademico si riunirà mercoledì mattina 17 dicembre 2014 presso l’Ateneo, in Via Gramsci, per votare a favore o sfavore della chiusura.

L’Ateneo foggiano può mantenere attivi 30 corsi fra lauree triennali e specialistiche. L’apertura di nuovi corsi, alcuni dei quali fuori provincia o addirittura fuori regione, porterebbe questo numero a 31. Dunque si vuole tagliare il corso di laurea con meno iscritti poiché non soddisferebbe il requisito minimo di iscrizioni previsto dal regolamento di Ateneo, vale a dire 15 studenti, ma rientra perfettamente nei parametri ministeriali che prevedono un minimo di 10.

Consideriamo questa possibilità un atto ingiusto nei nostri confronti poiché per molti di noi non sarà possibile completare il percorso formativo cominciato con la laurea triennale e in tanti si troveranno costretti a dover trasferirsi in altre sedi.

Riteniamo inoltre che questa soppressione, assolutamente in linea con le fallimentari politiche culturali italiane, sia l’ennesima sconfitta per un territorio che dovrebbe considerare il patrimonio archeologico come un valore identitario imprescindibile e tutelare chi sceglie di restare per studiarlo.

Abbiamo scelto di esserci indossando simbolicamente il volto della Medusa di Arpi, ancora una volta testimone di una Daunia maltrattata.

Pertanto invitiamo tutti i cittadini foggiani e residenti in provincia a supportare la nostra iniziativa il giorno 17 dicembre 2014 presso l’Ateneo dell’Università di Foggia per scongiurare la chiusura del Corso di Laurea Magistrale in Archeologia.

                                                                                                                                                                                                                 Federica Mirabella

Add your comment

XHTML : You may use these tags : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled website. To get your own globally-recognized avatar, please register at Gravatar.com