Dublino. Il carcere di Kilmainham Gaol: ricordare  per riflettere sul presente

By
On 24 agosto 2014 At 20:55

Category : Anfratti dal Mondo

Responses : No Comments

Situata nell’omonimo sobborgo dublinese, a sud del fiume Liffey e a ovest del centro cittadino, Kilmainham Gaol è oggi un’ex prigione resa museo per l’importante ruolo giocato nella storia irlandese. Numerosi furono i leader della lotta d’Indipendenza irlandese ad esser imprigionati e giustiziati nella prigione dagli inglesi e nel 1923 dal Libero Stato d’Irlanda.

Un monumento commemorativo di fronte l’entrata del carcere ricorda i leader giustiziati durante la rivolta del 1916, morti per quella Proclamazione d’Indipendenza di cui vengono riportate alcune righe nel mezzo, fra le statue: “Dichiariamo il diritto del popolo d’Irlanda al possesso dell’Irlanda, e al controllo illimitato dei destini irlandesi, ad essere sovrano inalienabile”.

Visitando la prigione al suo interno, camminando lungo i corridoi ed entrando nelle celle, umidità, buio e silenzio permettono davvero di tornare indietro negli anni precedenti alla Rivolta di Pasqua del 1916. Tornare a quel non troppo lontano 1914 in cui Pádraic H. Pearse, uno dei leader del movmento di ribellione repubblicano, scrisse: “Una guerra europea ha causato una crisi che potrebbe contenere, finora nascosto al suo interno, il momento per il quale le generazioni sono state in attesa. Non rimane che vedere se, sempre che il momento si manifesti, avremo occhi per vederlo e il coraggio per agire”.

Un tuffo nella storia irlandese, ma anche un momento  per riflettere sul nostro presente. L’ex prigione, visitata da turisti da tutto il mondo, ospita al suo interno un museo. Qui, oltre a poter avere informazioni sulla storia d’Irlanda fra i secoli XIX-XX si ha anche la possibilità di leggere alcune informazioni riguardo il dibattito odierno sulla pena di morte ed esprimere il proprio parere al riguardo. Il numero di pro e la poca differenza con il numero di contro lascerà stupiti, o forse no (si consiglia la lettura del Rapporto Annuale di Amnesty International del 2013 cliccando qui)

Una parte della capitale irlandese, un pezzo della storia irlandese che vale davvero la pena visitare.

                                                                                                                                           Veronica Pavoni

Add your comment

XHTML : You may use these tags : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled website. To get your own globally-recognized avatar, please register at Gravatar.com