Dalla cucina messicana: le Fajitas

By Redazione
On 5 giugno 2014 At 20:55

Category : Tu Porta da Bere.... al resto ci penso io
Tags : , , ,

Responses : No Comments

Related Posts


Oggi, sulla tavola di “Tu porta da bere…” troviamo una ricetta classica della cucina… messicana (o quasi). Dopo il gulasch ungherese, passiamo ad una cucina più calda ed esotica dell’America centrale, proponendo le fajitas di pollo, un classico del binomio tex-mex. Nascono come piatto a base di carne di manzo, ideato negli anni ’30 dai lavoratori messicani presso le fattorie dei possidenti texani, unendo la semplicità delle tortillas, dischi di farina di mais, con gli scarti della carne, che spesso venivano usati come salario di fine giornata. Ingredienti poveri, umili e di facile reperibilità che hanno dato vita ad un piatto molto apprezzato, che ha incontrato diverse contaminazioni di sapori nel corso degli anni. Troppo spesso siamo abituati ad un consumo eccessivo di ciò che abbiamo attorno, spendiamo più del dovuto per accessori di vita quotidiana dei quali potremmo far a meno e dimentichiamo quali possano essere gli elementi che realmente abbiano valore per la nostra vita: la cucina insegna ad apprezzare tutto ciò che possediamo e a rendere prezioso anche il bene, che all’apparenza, sembra privo di valore.

3 (FILEminimizer)
Fajitas con pollo, pompelmo e avocado

Per 4 persone

Per 8 tortillas medie

  • 200gr di farina di mais
  • 100gr di farina bianca 00
  • 100ml di acqua tiepida
  • Olio EVO
  • Sale
4 (FILEminimizer)
Per il ripieno

  • 400gr petto di pello
  • 1 avocado
  • 1 pompelmo
  • 1 cucchiaio di miele di fiori
  • Peperoncino
  • Rosmarino
  • Salvia
  • Porro
  • Paprika dolce
Prendiamo le fettine di petto di pollo, puliamole e tagliamole in piccoli bocconcini, pratici per divenire la parte centrale della farcia per le fajitas. Mettiamoli in una ciotola insieme alla salvia, al rosmarino, alla paprika dolce, al peperoncino tritato, un abbondante cucchiaio di miele di fiori e un filo d’olio Evo. Lasciamo riposare il tutto almeno per 30 minuti circa.

Passiamo alla preparazione delle tortillas.
In una ciotola, uniamo le due farine, due cucchiai di olio EVO e iniziamo ad impastare il tutto con metà dell’acqua a disposizione e aggiungiamo l’altra nel corso della lavorazione. Il composto finale dovrà risultare molto grezzo e ruvido, un panetto elastico, ma non troppo morbido, facile da stendere.

Tagliamolo in otto parti e lavoriamolo con le mani umide, formando otto palline di pasta. Una alla volta, stendiamola con l’aiuto di un matterello, creando le nostre tortillas.
Scaldiamo una piastra antiaderenti, sulla quale far cucinare le tortillas alcuni minuti per entrambi i lati. Man mano che le cucinerete, impilatele su di un piatto e copritele con un panno, in modo tale che non si secchino e restino umide e friabili. In un’altra padella far scaldare un cucchiaio di olio EVO, far imbiondire un porro e, in seguito, cucinare i bocconcini di pollo marinati.

Mentre il pollo cuoce, passiamo a tagliare in piccoli pezzi l’avocado e il pompelmo, che aggiungeremo ai bocconcini una volta pronti.

Adesso che tutti gli ingredienti sono pronti, passiamo con l’assemblare le fajitas.
Prendiamo una tortilla e mettiamo nel centro un paio di cucchiai di ripieno, pieghiamola sui due lati e conferiamole la classica forma che tutti conosciamo.

Possiamo accompagnarla con della salsa guacamole o con dei messicanissimi fagioli neri.

                                                                                                                                      Edmondo Grassi
                                                                                                                                      Foto di Maria Gerardi

Oltremedianews è un sito web di informazione indipendente, impegno sociale e partecipazione politica. Non rappresenta una testata giornalistica ai sensi della legge 62/2011. Le notizie e le immagini inserite in questo sito sono di nostra produzione, e sono quindi distribuite con la licenza di cui sotto, oppure provengono dal web. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, basta che ci scriviate e saranno subito rimosse senza discussioni“.

Add your comment

XHTML : You may use these tags : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled website. To get your own globally-recognized avatar, please register at Gravatar.com