Bologna: contro la Lega di Salvini e il neofascismo

Bologna si prepara ad un weekend abbastanza movimentato. Domenica prossima infatti, 8 novembre 2015, è in programma, nella centralissima Piazza Maggiore, la manifestazione della Lega Nord “Blocca Italia per chiedere le dimissioni del governo Renzi.

Sul palco,accanto al leader leghista e padrone di casa Matteo Salvini, saranno presenti Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, e Francesco Storace de “La Destra“. All’ultimo momento si è aggiunto anche Silvio Berlusconi che ha accettato di esserci per dar prova di “una forte dimostrazione di unità del centrodestra“. Non si è ancora capito bene se sarà presente anche la formazione di estrema destra di Casapound che, in tal caso, tornerebbe in piazza a fianco dei leghisti dopo la manifestazione del 28 febbraio scorso a Roma.

Contemporaneamente partirà una contro-manifestazione da piazza Stalingrado, promossa dal centro sociale Crash. L’iniziativa, lanciata dal gruppo “Mai Con Salvini, vuole evitare che una città medaglia d’oro per la Resistenza e che soffrì in prima persona i tragici eventi degli anni di piombo diventi, anche per un giorno, lo sfondo ad una parata di personaggi non proprio ben visti dalla Bologna antifascista.

Ma sono tanti gli appuntamenti contro la “marcia” di Salvini a Bologna. Un primo appuntamento è fissato già per sabato 7 novembre. Nell’evento facebook “Mai con Salvini-Bologna non si Lega” si legge: “Saremo alle ore 11 di Sabato 7 Novembre a Porta Lame, per dire che l’antifascismo non è una vuota icona da custodire, ma una pratica quotidiana di trasformazione dell’esistente. Dalle 16 saremo in Piazza San Francesco, per una giornata popolare di partecipazione, iniziative e discussione da costruire tutte e tutti insieme. Un pomeriggio antifascista e antileghista in Pratello, per affermare con forza che in una città libera non possono trovare spazio la xenofobia, la paura e chi fomenta la guerra tra poveri per difendere gli interessi dei ricchi. Domenica 8 Novembre convochiamo alle ore 10 il concentramento in Piazza XX Settembre, luogo abituale dei cortei cittadini. Vogliamo che sia un luogo unitario e coordinato, con tanti soggetti e pratiche differenti, e un unico obiettivo: rovesciare la paura contro chi la vuole creare, affermare con forza, determinazione e coraggio.”

Per questo la questura locale e il prefetto, negli ultimi tempi fortemente contestati dai collettivi per la chiusura dello storico spazio occupato “Atlantide“, hanno predisposto una vera e propria divisione della città, con tanto di zona rossa, per evitare che i due raduni vengano in contatto in qualsiasi modo.

Salvini torna a Bologna esattamente ad un anno di distanza da quando, volendo “visitare” il campo rom di via Erbosa, era stato contestato e la sua auto presa a calci dai dissidenti locali, dopo che alcuni contestatori avevano rischiato di esser investiti. Questa volta il segretario della Lega ha voluto alzare il livello della tensione affermando, qualche giorno fa alla redazione locale de “La Repubblica“, che “Le zecche rosse non ci fermeranno” e non impediranno quella che, a detta dello stesso Salvini, è “una giornata di festa popolare con mamme e papà, bambini e nonni“.

Sono previsti arrivi di pullman della Lega Nord e del partito “Noi con Salvini” da ogni parte di Italia. Inoltre proprio ieri, a pochi giorni da questo nuovo comizio leghista, la Questura di Roma ha predisposto l’obbligo di firma per quattro ragazzi che il 27 febbraio scorso hanno tentato di “infastidire” i preparativi della manifestazione che si è tenuta regolarmente il giorno dopo a Piazza del Popolo.

Romano di nascita, laureato in Scienze Storiche.
Attualmente autore presso “Oltremedia”, ho collaborato con “Linkursore”.
Mi interessa parlare dei lati più nascosti della mia città, ma anche della cultura e del mondo che mi circonda.

Add your comment

XHTML : You may use these tags : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled website. To get your own globally-recognized avatar, please register at Gravatar.com