Apple. Video denuncia operai sfruttati

L’Apple è stat accusata di sfruttare i lavoratori nelle fabbriche cinesi. Non è la prima volta che la multinazionale fondata da Steve Jobs viene accusata di sfruttamento nei confronti dei propri operai, ma questa volta c’è un video, girato a Shanghai, a incastrare la multinazionale.

Nel 2010 Apple è stata coinvolta in diversi scandali legati alle condizioni degli impiegati negli impianti gestiti da alcuni suoi fornitori, così come nel 2012, il New York Times ha denunciato el condizioni degli operai nell’azienda cinese Foxoconn, e successivamente nel 2013, quando sono state denunciate diverse violazioni etiche e legali contro gli operai della Jabil.

La China Labor Watch, un’associazione americana che si batte per i diritti dei lavoratori in Cina, ha evidenziato nel giugno 2012 come le ditte legate all’intera catena di produzione e fornitura dei prodotti Apple non rispettino i diritti dei lavoratori, in modo anche più grave rispetto alla Foxconn. La stessa associazione denuncia che il 92% degli impiegati supererebbe le 60 ore di lavoro a settimana stabilite da un protocollo firmato da Apple per tutelare i dipendenti dei suoi fornitori.

Grazie ad un’indagine della BBC è stato divulgato un video nel quale si vedono operai che dormono sui banchi di lavoro; inoltre i due giornalisti sotto copertura, si sono finti operai in cerca di lavoro e denunciano di aver lavorato per 18 giorni consecutivi senza alcun riposo.

Dalle nostre pagine avevamo reso nota la denuncia di un dipendente afroamericano della compagnia di Cupertino il quale ha fatto causa alla compagnia in quanto gli sarebbe stata negata, a suo parere, una promozione a causa del colore della sua pelle.

Apple ha risposto che indagherà sulla denuncia fatta dalla BBC.

Laureato in giurisprudenza, giornalista pubblicista, Co-fondatore e Direttore responsabile di Oltremedia. Il giornalismo lo intendo a 360°: video,montaggio,foto,scrittura.

nicola.gesualdo@oltremedianews.it

Add your comment

XHTML : You may use these tags : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled website. To get your own globally-recognized avatar, please register at Gravatar.com