A321: Putin promette vendetta per abbattimento aereo sul Sinai

Il 31 ottobre in Sinai il velivolo A321 è precipitato nel deserto. Inizialmente si pensava o forse si sperava che potesse essere stata una avaria ma con il passare dei giorni si è purtroppo concretizzato lo spettro del terrorismo dell’Isis. Guardacaso i russi avevano cominciato a bombardare in Siria le postazioni dello Stato Islamico solo pochi giorni prima, di conseguenza l’abbattimento del velivolo sarebbe stata una sorta di ritorsione contro Mosca.

Una ritorsione che al Cremlino non intendono lasciar correre, ancor più che i servizi russi hanno confermato l’ipotesi dell’attentato. Da qui la minaccia del presidente Vladimir Putin che ha promesso di trovare i terroristi responsabili dell’attentato ovunque si trovino: “ Chiedo a tutti i servizi speciali di trovare i responsabili di questo atto terroristico. Li cercheremo in ogni posto del pianeta e li puniremo. Contiamo sull’aiuto dei nostri alleati“.

Non abbiamo dimenticato nulla e nessuno  l’uccisione di nostri cittadini nel Sinai è uno dei più sanguinosi crimini come numero di vittime: non asciugheremo le lacrime dalla nostra anima e dal nostro cuore, ciò che è successo rimarrà con noi per sempre, ma non ci impedirà di trovare e punire i criminali“, ha ribadito ancora Putin (Fonte Repubblica). Non solo, il governo russo avrebbe anche messo a disposizione qualcosa come 50 milioni di dollari per chi fornirà informazioni “che favoriscano l’arresto dei criminali” colpevoli della tragedia. Da qui la decisione russa di intensificare i raid contro i terroristi in Siria e la sensazione è che seguiranno altre azioni nelle prossime settimane.

E intanto proprio Mosca ha annunciato di voler coordinare assieme alla Francia le prossime azioni contro lo Stato Islamico in Siria, a significare che la Russia intende continuare la sua guerra contro il Califfato.

Laureato in Storia Contemporanea, ha da sempre coltivato una viva passione per la scrittura e per il giornalismo. Appassionato di politica estera partecipa sin dagli inizi al progetto di “Oltremedia” .

Add your comment

XHTML : You may use these tags : <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

This is a Gravatar-enabled website. To get your own globally-recognized avatar, please register at Gravatar.com