18 ottobre 2014 - OltremediaNews

Il revisionismo alla francese

By Redazione • 18 ottobre 2014

Eric Zemmour e Valérie Trierveiler, sono loro due i personaggi del momento nella letteratura francese, e questo la dice molto lunga sull’ombra nera che è calata sulla Francia.
Non tanto per la Trierveiler ex premier dame dell’Eliseo il successo del cui libro “Merci pour ce moment” era ampiamente prevedibile dal momento continua

L’Europa si barrica. Oltre i confini non c’è solidarietà

By Redazione • 18 ottobre 2014

“Il prossimo primo novembre avrà inizio l’operazione Triton, la regia sarà affidata all’agenzia Frontex. L’operazione costerà 3 milioni di euro, meno di un terzo di quanto è costata Mare Nostrum e a pagare non sarà solo l’Italia”. Con queste dichiarazioni Angelino Alfano ha giustificato la prossima dismissione dell’operazione Mare Nostrum. continua

Cambiamenti climatici, UE sotto esame. Intanto Green Italia lancia l’allarme

By Redazione • 18 ottobre 2014

Dal caso particolare al generale, dalle ‘emergenze’ al cuore del problema: dal disastro di Genova al rapporto Onu di qualche tempo fa. Quali sono le strategie messe in campo dalle istituzioni per sciogliere il nodo cruciale di sviluppo e ambiente, per un modello che, si spera, sia il più possibile continua

Messico. Montano le proteste dopo la strage degli studenti

By Redazione • 18 ottobre 2014

proteste

Si infiamma il Messico. Un paese in cui si muore da anni per quella che si configura come una vera e propria guerra civileche sta dilaniando il Paese.
Il 26 settembre a seguito di diverse proteste degli studenti contro il governo per i tagli alle scuole rurali, oltre 43 studenti sono continua

Lavoro: patto Fiom-IG Metall per l’art. 18

By Redazione • 18 ottobre 2014

Costruire un sindacato diverso che operi a livello transnazionale e fare fronte comune contro la riduzione dei diritti dei lavoratori. Di più, tornare a rinsaldare il collegamento tra sindacato e politica con un nuovo soggetto che porti in parlamento le istanze dei lavoratori. L’agenda di Cgil e Fiom non è mai continua

Greenpeace occupa le trivelle in Sicilia

By Redazione • 18 ottobre 2014

«Stop fossil, go renewable» è lo striscione di Greenpeace comparso questa mattina sulla piattaforma di estrazione di idrocarburi Prezioso di Eni Mediterranea Idrocarburi, nela Canale di Sicilia, al Largo della costa di Licata, in provincia di Agrigento. Il timore è che si potrebbe andare ad intaccare, negativamente, su un’economia già continua

La Cina passa gli USA e diventa la prima economia mondiale

By Redazione • 18 ottobre 2014

cina

Piaccia o no la prima potenza economica mondiale è la Cina comunista. Lo ha ammesso il Fondo Monetario Internazionale che ha dichiarato Pechino la prima potenza economica mondiale sulla base dell’analisi dei Pil americano e cinese.
La sentenza del Fmi è a dir poco storica ed è stata ripresa subito dal Financial continua

Milano in corteo contro l’Expo

By Redazione • 18 ottobre 2014

espo

Ieri pomeriggio in una uggiosa Milano, un paio di centinaia di cittadini hanno sfilato per la vie delle Città per protestare contro il grande evento dell’Expo previsto a partire dal maggio dell’anno prossimo.
Il corteo è partito alle 15 da piazza Duca d’Aosta per concludersi in piazza Cadorna. Oltre ai ragazzi del comitato continua

La giurisprudenza sbarca sulla luna

By Redazione • 18 ottobre 2014

Passeggiate lunari, pendolari galattici e società off-shore sulla luna: non si tratta della versione futuristica di “Fascisti su Marte”, ma di una possibilità che potrebbe diventare estremamente attuale nel giro di qualche decennio. Da quandoArmstrong è sbarcato (al netto di montaggi cinematografici) sulla luna o da quando, ancora prima, l’Urss spedì in continua

Roma. In strada contro la speculazione

By Redazione • 18 ottobre 2014

Oggi nel quartiere Centocelle si è tenuta la manifestazione contro speculazione, sfratti e sgomberi. Circa 2000 persone hanno attraversato il quartiere est della capitale fino a giungere a Largo Preneste.
Uno striscione apriva il corteo “Riprendiamoci la città”.
A Roma c’è un numero che fa davvero paura a chi non può permettersi continua